La guerra negli occhi

Gruppo Alpini Mairano + Associazione Amici del Museo della Civiltà Contadina
Domenica 23 aprile
Palestra Polivalente di Mairano
“La guerra negli occhi”

Scritto da John Comini e recitato da Andrea Giustacchini, è il racconto in dialetto bresciano di un soldato della Prima Guerra Mondiale.
Liberamente ispirato alle lettere spedite dal fronte, la narrazione percorre alcuni episodi della vita di un semplice soldato, dalla trionfale partenza verso una vittoria che sembrava certa e rapida, alla tragica realtà della guerra di trincea.
Insieme alle vicende del protagonista si intrecciano le storie di quattro suoi amici di paese, che per un verso o per l’altro rimarranno segnati per sempre dal dramma della guerra.
I canti del coro “La Faita” fanno da colonna sonora al racconto, che è costellato da piccole vicende di vita quotidiana, da episodi cruenti, da tocchi di umorismo e di umana solidarietà.

La guerra negli occhi

Giornate di Primavera FAI, 25 e 26 marzo

Il Fondo Ambiente Italiano (FAI) è una fondazione senza scopo di lucro che, grazie a un’idea di Elena Croce, figlia del grande filosofo Benedetto Croce, si prefiggeva di emulare il National Trust inglese e con il contributo di tutti cura in Italia luoghi speciali per le generazioni presenti e future, promuove l’educazione, l’amore, la conoscenza e il godimento per l’ambiente, il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione e vigila sulla tutela dei beni paesaggistici e culturali, nello spirito dell’articolo 9 della Costituzione.

Ogni anno il FAI organizza le Giornate di Primavera, durante le quali vengono aperti al pubblico vari beni ed attraverso la guida di Ciceroni i visitatori possono entrare in contatto con bellezze artistiche e naturali del nostro paese. Le Giornate di Primavera sono per il FAI un momento essenziale per la sensibilizzazione al valore dei nostri beni culturali e paesaggistici, e per la raccolta di fondi, necessari per poter mantenere dei beni a rischio di degrado ed abbandono. Ad oggi sono 57 i beni che il FAI ha restaurato, dei quali 35 sempre aperti al pubblico.

Quest’anno le Giornate di Primavera si terranno il 25 e 26 marzo e Mairano sarà una delle mete designate dal FAI per le sue Giornate di Primavera. Saranno 7 i beni aperti ai visitatori, tra i quali anche il nostro Museo della civiltà contadina, dove si troveranno le consuete guide pronte a condurre gli ospiti alla conoscenza della ricca collezione e degli spazi, allestiti come una cascina contadina di un tempo. Gli altri siti aperti sono: Palazzo Rocca già Calini, Palazzo Pancera, Cascina Nodari, Palazzo Soncini e la Chiesa di Sant’Antonio Abate di Pievedizio.